Le misure del PNRR per ridurre il rischio idrogeologico e di alluvione

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) prevede un importante pacchetto di misure per la gestione del rischio di alluvione e per la riduzione del rischio idrogeologico.

In particolare, la componente ‘Tutela del territorio e della risorsa idrica’ della Missione ‘Rivoluzione verde e transizione ecologica’ prevederà un investimento di 2,49 miliardi di euro per interventi strutturali nelle aree a rischio e per le strutture danneggiate e per mettere in sicurezza 1,5 milioni di persone oggi a rischio.

L’obiettivo dell’investimento è quello di ridurre gli interventi di emergenza, sempre più necessari a causa delle frequenti calamità, e intervenire in modo preventivo attraverso un programma ampio e capillare. Gli interventi strutturali, volti a mettere in sicurezza da frane o ridurre il rischio di allagamento, saranno affiancati da quelli non strutturali, focalizzati sul mantenimento del territorio, sulla riqualificazione, sul monitoraggio e sulla prevenzione. Nelle aree colpite da calamità si provvederà al ripristino di strutture e infrastrutture pubbliche danneggiate, nonché alla riduzione del rischio residuo per tutelare l’incolumità pubblica e privata.

Il cronoprogramma prevede che entro dicembre 2021 venga adottato il decreto di approvazione del piano; entro dicembre 2023 sarà completata l’aggiudicazione di tutti gli appalti pubblici; entro dicembre 2025 sarà ripristinato il 100% delle strutture pubbliche; entro marzo 2026 1,5 milioni di abitanti saranno al riparo dai rischi idrogeologici

Fonte: Edilportale

Terminati i lavori di messa in sicurezza nel comune di Giungano (SA)

Terminano i lavori di messa in sicurezza nel comune di Giungano (SA), dove lo scorso febbraio una caduta di massi ha messo in serio pericolo l’abitato del paese.

La ditta Cardine S.r.l., avvalendosi del suo team di rocciatori specializzati in tecnica alpinistica, geologi e ingegneri, si è occupata dell’apposizione di barriere paramassi elastiche a protezione del centro cittadino.

Salerno riapre al traffico via Benedetto Croce, intervento di Cardine srl

E’ stata riaperta al traffico veicolare via Benedetto Croce, la strada che collega Salerno con Vietri sul Mare sulla SS18, interessata da una frana nelle scorse settimane. I lavori svolti da Cardine srl, hanno consentito di rendere fruibile in tempi celeri, con il senso unico alternato, un’arteria strategica per la mobilità cittadina e di collegamento con la Costiera Amalfitana e Cava de’ Tirreni.

La ditta esecutrice dei lavori Cardine srl del dott. Angelo Grimaldi ha lavorato alacremente e senza interruzioni giorno e notte, e stati svolti in tempi rapidissimi, per riuscire a limitare al massimo il disagio cittadino.

I lavori sostenuti dall’amministrazione comunale con il supporto della Regione Campania e, in fase di indagine, della Provincia di Salerno, sono stati così commentati dall’assessore De Maio: “In poco più di quindici giorni, si è riuscito a garantire un non facile risultato. Un sincero apprezzamento va ai lavoratori dell’Impresa Cardine srl per la ininterrotta attività fin ora svolta“.

Cardine srl si è avvalsa di abili professionisti per il rilievo geometrico tridimensionale geom. Antonio Sica, per le ispezioni e rilievi geostrutturali geol. Luca Cozzolino, progettazione geotecnica ing. G. Petroccelli e ing. D. Giaffrida.

La circolazione sarà regolata di notte con impianto semaforico e di giorno, negli orari di operatività del cantiere, dai tecnici di Cardine srl che continueranno ad operare sul posto nelle prossime settimane. La strada sarà percorribile da auto, motocicli e autobus di linea. I mezzi pesanti dovranno continuare ad utilizzare il percorso alternativo.

262 milioni di euro per il dissesto idrogeologico

In arrivo un DL per semplificare procedure e tempi di realizzazione degli interventi e rafforzare le strutture territoriali.

Sono 119 in tutta Italia gli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, immediatamente esecutivi e cantierabili, previsti dal ‘Piano nazionale di interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico’ approvato dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.

In Campania e nelle altre regioni del sud Italia stanziamenti compresi tra i 10 e i 20 milioni di euro circa.

Ministro Costa: ‘anticipiamo ai comuni il 30% della spesa’

“Già con il DL Agosto abbiamo messo a disposizione dei Comuni e delle Regioni la società in house del Ministero dell’Ambiente Sogesid, per aiutare le amministrazioni nella progettazione – ha ricordato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa -. Con la stessa legge abbiamo dato poteri straordinari che riducono del 40% i tempi ai presidenti di Regione che sono commissari straordinari del dissesto idrogeologico. Abbiamo, inoltre, previsto di anticipare ai comuni il 30% della spesa, in modo da permettere l’attivazione di tutta la procedura per la messa in opera del cantiere”.

(fonte Edilportale)

Maltempo Campania: nubifragi, trombe d’aria e allagamenti

A Sarno momenti di paura a causa della pioggia evacuate 250 persone, allagamenti anche in altri centri.

Disagi e criticita’ per il forte maltempo che ha colpito nelle scorse ore il Salernitano e soprattutto l’Agro Nocerino Sarnese, in particolare le fasce pedemontane di Sarno, Nocera Superiore, Castel San Giorgio, Bracigliano, Cava dei Tirreni. Allagamenti anche a San Valentino Torio, San Marzano sul Sarno, Pagani, Nocera Inferiore e Mercato San Severino.

72 ore di pioggia, strade allagate dopo la colata di fango, una storia che si ripete, purtroppo anche a causa dell’erosione del suolo dovuta ai recenti incendi nelle aree montuose circostanti Sarno.

 

La mitigazione del rischio idrogeologico è da sempre oggetto di attenzione della Cardine srl, che fa della tutela del territorio la sua principale attività, ed auspica che i numerosi interventi già messi in atto dalla Regione Campania, aumentino e siano messi in cantiere quanto prima. Cardine è disponibile a continuare nell’opera di sensibilizzazione insieme agli Enti pubblici, mettendo a disposizione il proprio staff e know how affinché il messaggio della tutela ambientale sia recepito quanto prima possibile.

Tenet esce oggi 26 Agosto nelle sale cinematografiche

Tenet, il nuovo film di Christopher Nolan, esce oggi al cinema in Italia dopo vari rinvii dovuti al Covid.

La Warner Bros ha scelto la Costiera Amalfitana tra le principali location del film e si è avvalsa dello staff di rocciatori di Cardine per la messa in sicurezza delle spiagge dove si sono tenute le riprese.

Gli uomini di Cardine, tecnici e rocciatori, hanno bonificato e presidiato l’area lungo la costa tra Maiori ed Amalfi dove sono state effettuate le riprese dalla troupe del regista britannico.

«Siamo lieti di aver contribuito con il nostro lavoro all’opera del maestro cinematografico Nolan, in uno dei luoghi più belli e suggestivi della Costiera Amalfitana, soprattutto la spiaggia posta a metà strada tra Capo d’Orso e Maiori» commenta Angelo Grimaldi, titolare di Cardine srl.

 

Chiusura estiva 2020

Cardine srl  comunica che dal 10 al 23 agosto osserverà il periodo di chiusura estiva.
Vi informa, inoltre, che resterà sempre attivo un numero di reperibilità 24ore su 24 per interventi urgenti: 3346702360.

Vi auguriamo buone vacanze

Il Covid non ferma Tenet, il film girato in Costiera uscirà regolarmente a luglio

Nonostante l’epidemia di Coronavirus stia facendo correre al riparo i vari distributori cinematografici, l’uscita di Tenet non slitterà.

L’atteso film del regista Christopher Nolan prodotto da Warner Bros Picture e girato in Costiera Amalfitana l’estate scorsa, con il supporto dei rocciatori di Cardine srl durante le riprese, sarà ugualmente distribuito negli USA a luglio 2020 (mentre in Italia dovrebbe arrivare a settembre).

Gli uomini di Cardine, tecnici e rocciatori, hanno bonificato e presidiato l’area lungo la costa tra Maiori ed Amalfi dove sono state effettuate le riprese dalla troupe del regista britannico Christopher Nolan.

«Siamo lieti di aver contribuito con il nostro lavoro all’opera del maestro cinematografico Nolan, in uno dei luoghi più belli e suggestivi della Costiera Amalfitana, soprattutto la spiaggia posta a metà strada tra Capo d’Orso e Maiori» commenta Angelo Grimaldi, titolare di Cardine srl.

Cantieri Pubblici, da oggi possono ripartire dissesto idrogeologico, edilizia scolastica, edilizia pubblica e penitenziaria.

Da oggi possono riprendere l’attività tutte le imprese di costruzione impegnate nei cantieri di opere pubbliche considerate strategiche per il Paese, relative a dissesto idrogeologico, edilizia scolastica, edilizia residenziale pubblica e penitenziaria.

Lo possono fare se sono in condizione di rispettare il Protocollo sulla sicurezza nei cantieri firmato dal MIT con le parti sociali il 24 aprile, inviando una comunicazione ai Prefetti.

Lo precisa una nota firmata dalla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, insieme al Ministro della Sanità Roberto Speranza e a quello dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, inviata ieri alla Ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, nella quale vengono indicate le attività per l’economia nazionale da autorizzare fin da subito, rispettando a pieno le misure anti-coronavirus previste nei protocolli di sicurezza.

Nella nota si esplicita la strategicità per il Paese dei cantieri pubblici che realizzano opere contro il dissesto idrogeologico, di edilizia residenziale pubblica, di edilizia scolastica e di edilizia penitenziaria.

Tutto il personale impiegato nelle attività che vengono autorizzate, sia i lavoratori che i fornitori, non verrà sottoposto naturalmente a limitazioni della mobilità per raggiungere il posto di lavoro.

Font PrimaPagina

Emergenza COVID-19: Cardine sospende le attività

La salute e il benessere sono estremamente importanti per tutti noi, pertanto, a tutela dei nostri collaboratori e delle proprie famiglie, abbiamo deciso di sospendere le attività.

Nel rispetto di quanto stabilito dal Ministero della Salute, ci siamo organizzati in modo da mantenere attivo il numero per le emergenze 334 670 2360 e a dare supporto a qualsiasi vostra richiesta o necessità.

Ci auguriamo di poter tornare tutti ad una vita personale e professionale normale e serena nel più breve tempo possibile.